teambuilding aziendale

genitori-figli

Aperto ai bambini dai 7 ai 10 anni, il campo genitori-figli è un’occasione per vivere tre giorni immersi nella natura dedicati al piacere e ai valori dell’essere insieme, al diretto contatto con gli elementi naturali, all’io e al noi lungo la linea del tempo…

Grazie al tramite ludico dell’immaginare e del fare, le attività proposte, le situazioni di lavoro di gruppo e le prove individuali consentono ai genitori e ai ragazzi di vivere un’esperienza di condivisione e legame e allo stesso tempo di muoversi su due percorsi distinti.

 

Durante il campo, il gruppo dei ragazzi si riunisce a fine giornata per confrontarsi sui possibili significati di quanto è stato da ognuno vissuto, con particolare attenzione su:

– Essere nel gruppo: i valori personali e i valori sociali.

– Presenza nel reale:  la capacità di ascolto e l’attenzione volta a  percepire le particolarità dell’ambiente circostante.

– Il  fare bene, come pratica quotidiana di costruzione di un sé capace, responsabile e appassionato.

– Il senso del  limite.

Il gruppo dei genitori dopo ogni attività si riunisce per l’elaborazione dell’esperienza, con una particolare focalizzazione su:

– La ricerca del senso: disagi e bisogni celati nei comportamenti irritanti, provocatori, regressivi del figlio/a.

– Le aspettative del genitore: il difficile riconoscimento e la conflittuale  accettazione  degli aspetti di alterità del figlio/a.

– Essere madre, essere padre: ruolo femminile e maschile, nella crescita dei figli.

– La caduta dell’angelo: il bisogno di idealità e di assoluto perseguito lungo la  via della materia.

 

[Per la realizzazione del campo genitori-figli è necessaria la prenotazione di un gruppo composto da un minimo di 16 partecipanti]